news_salar-grafica - C.R.I.G.

Terre Alte

…Il viaggio è un atto creativo, che non solo consuma e alletta l’anima, ma nutre l’immaginazione ed è responsabile di ogni nuovo stupore…

Paul Theroux

 

Non chiamateli  speleologi ma esploratori geografici. Sono I partecipanti alla spedizione esplorativa “Terre Alte” che nel 2010  ha viaggiato dalle montagne carsiche di Torotoro agli altipiani emersi del Salar di Uyuni in Bolivia.

In jeep a piedi  e sotto terra,  hanno scoperto luoghi incontaminati dove l’occhio tecnologico dei satelliti e l’unico a scrutare  il paesaggio.

Non abbastanza attento però, quell’occhio dal 10 miliardi di pixel, da scoprire una fonte d’acqua imprigionata sotto terra da 11 mila anni. Non abbastanza umano da cogliere la sofferenza che la siccità  sta portando alle popolazioni  che da 8 anni non vedono cadere una goccia d’acqua.

Fenicotteri rosa che sembrano danzare al tramonto tra i fumi delle sorgenti sulfuree della Laguna Colorada. Immagini velocizzate a 5400 metri fanno da sfondo alla storia delle  persone che, partecipando a questo viaggio, contribuiscono con la loro esperienza  alla ricostruzione della storia del mondo.