Visite guidate Genova Sotterranea

 

Quando si parla di Genova Sotterranea la fantasia vola attraverso percorsi infiniti che si snodano tra passaggi segreti e stanze nascoste attraverso tutta la città.

In realtà non è proprio in questi termini che  una città di queste dimensioni si è evoluta nel sottosuolo. Genova Sotterranea è un mito, è il retaggio dei nostri studi da speleologi,  svolti in giro per il mondo. Studi che attraverso le nostre foto e nostri documentari hanno condizionato in maniera romantica il modo di vedere la nostra antica  città.

Genova non è come Roma o come Bari. La storia non la rende da un luogo sotterraneo degno erede di Agarti.  La trasformazione architettonica particolare di questa città ha fatto si che molti dei luoghi che prima erano a cielo aperto diventassero  loro malgrado luoghi sotterranei.Altri che erano celati nel sottosuolo sono diventati parcheggi, qualcuno di questi è stato  semplicemente dimenticato e giace sepolto sotto metri di cemento.

Le visite in questi luoghi sarebbero davvero moltissime considerando i 160 km di cavità sotterranee stimate,  che con i suoi rivi  e cisterne, passaggi pedonali, strutture militari,  creano quel “VUOTO”  a cui  noi diamo la caccia dal 1987.

Ad oggi per problemi logistici proponiamo  solo una visita delle moltissime programmabili, ma unica nel suo genere e sicuramente  la più rappresentativa.

Il ponte di Santo Stefano, meglio conosciuto come Ponte monumentale.

Il CRIG è stato il primo nel 1987 a riscoprirlo e a pubblicizzarlo,  dopo la sua costruzione che risale alla fine del 1800.

Nessuna scoperta dunque casomai una riscoperta. Il ponte in fondo è sempre stato lì ad attenderci!

Lo progettò Cesare Gamba  un Architetto  dalle capacita’ straordinarie

L’architetto Gamba non avrebbe mai immaginato che questo gioiello architettonico, unico nel suo genere con parte della  struttura aerea a vista, cento  anni più tardi, sarebbe divenuto tanto famoso. Noi speleologi abbiamo avuto il privilegio di portare al suo interno le telecamere della Rai con  Osvaldo Bevilacqua e la sua  trasmissione Sereno Variabile nel 2009.

 

Chi può partecipare:

Come nel bugiardino di un farmaco, vogliamo  dare alcune indicazioni di massima sulla difficoltà della visita .

Non bisogna essere atleti, occorrono però buone condizioni fisiche. Prima di proseguire con la programmazione della tua visita guidata , dovresti sapere che le nostre escursioni non sono adatte a coloro che:

  1. hanno subito interventi recenti alle articolazioni
  2. che hanno problemi articolari gravi
  3. hanno subito interventi cardiaci
  4. hanno ferite con punti di sutura di qualunque tipo e quindi non possono e non devono fare sforzi
  5. persone in sovrappeso (che non riescono a sollevare il propio peso)
  6. soffrono di epilessia
  7. minori non accompagnati da genitori (comprovata certificazione)
  8. bambini sotto gli 8 anni
  9. sconsigliata a chi è allergico alle esperienze positive e a chi non ama la cultura

 

Come Abbigliarsi

Abbigliamento leggero, scarpe da ginnastica alte o ancor meglio da trekking, guanti da lavoro un paio di jeans vecchi.

Il casco completo di illuminazione viene fornito da noi.

Non è consentito fare foto

 

Numero massimo di partecipanti

Per una questione di sicurezza  il massimo numero  di persone per uscita e  fissato a nove.

Durata della visita 90/ 120 minuti

 

Le visite si effettuano tutti giorni dopo le ore 20:00 esclusivamente su prenotazione

Per prenotare la vostra visita scrivere a info@crig.it